(0039) 3423669033
info@enjoyromagna.com

il mio decalogo

Enjoy Romagna 0ff the beaten track

IL MIO DECALOGO

Pronti? si parte! un decalogo per partire sereni
Per lavorare assieme bisogna conoscersi. Sia che tu sia un partecipante alle mie iniziative, sia che tu sia un turista che vuole conoscere la Romagna con me, o un professionista con cui intendo collaborare è bene che tu sappia qualcosa in più di me.

Per un buon risultato

quando lavoro con o per voi voglio ottenere un risultato soddisfacente per entrambi, per questa ragione ho fissato un breve codice di comportamento, al quale mi attengo.
1 Onestà : è importante sapere mantenere le promesse, il prezzo deve essere adeguato al servizio, ne troppo ne troppo poco.
2 Concretezza: il prodotto deve essere ben comprensibile e interessante, i turisti non si fanno più ingannare da nomi altisonanti privi di sostanza.
3 Conoscenza: per vendere il proprio prodotto bisogna conoscerlo a fondo, conoscerne la storia e le caratteristiche, il personale preparato è in grado di rendere appetibile il prodotto ai clienti
4 Identità: il cliente ci visita perché vuole vivere un’emozione speciale, il territorio e la nostra identità devono essere protagonisti in tutto.
5 Sorriso: il sorriso mosso dalla passione per il nostro lavoro e dall’amore per il nostro territorio è  dove nasce il sorriso del nostro cliente.

Per le mie iniziative


Quando vi propongo un evento di mia iniziativa dovete sapere a cosa andrete incontro, in modo da non essere semplici clienti ma compagni di viaggio, è giusto che condividiate alcuni miei principi.
1 Faccio la guida perché amo l’Italia e il mio territorio: Scelgo le mete e i percorsi dei miei eventi in base alle mie passioni, i percorsi che realizzo hanno sempre qualcosa di me o servono per sottolineare eventi storici o ricorrenze che stuzzicano la mia curiosità. La cultura di un popolo non è fatta solo di arte. Il turista per conoscere a fondo un luogo deve carpirne i profumi, i gusti e i colori, voglio poterci provare.
2 “Gratis” ma solo se lo dico io. Credo nella diffusione della conoscenza: realizzo ciclicamente eventi ad offerta libera non obbligatoria a cui possono partecipare TUTTI, tuttavia tour operator e clienti non possono chiedermi di realizzare o ripetere eventi ad offerta libera. Gli eventi a pagamento devono portare un giusto guadagno e quelli promozionali un giusto richiamo pubblicitario. Se un collega vuole aiuto nel preparare una meta che conosco meglio di lui lo accompagno senza fissare una tariffa ma chiedendogli di cambiare il favore in un luogo che conosce meglio di me.
3 Off the beaten  track e sperimentazione. I tour organizzati scelgono mete fuori dalla traccia turistica battuta. Sia nei tour ad offerta libera sia in quelli con tariffa almeno una tappa serve per sperimentare qualcosa di nuovo. Ogni tour-evento non ricalca completamente percorsi già provati e sono eventi singoli o ciclici. Il “Free walking tour” è un modello di business che mi interessa e condivido, ma non è il mio modello principale. I percorsi tradizionali sono riservati alla mia attività professionale non a quella promozionale.
4 Credo nell’amicizia non nelle corporazioni. Sperimento varie fasce di prezzo per allargare le mie possibilità di generare clientela.  Le altre guide turistiche, hanno sempre qualcosa da insegnarmi, collaboro con loro sempre nell’ottica di una sana e felice concorrenza. Non mi unisco a nessuna lotta “contro” ma solo ad eventi “pro”.
5 Vince l’onestà: non ho paura degli abusivi e non ho paura dei patentati. Gli abusivi possono fare eventi simili ai miei, ma non possono raggiungere tour operator o clienti finali. La verità è relativa e se un collega ha idee commerciali diverse dalle mie sono aperto al dialogo possiamo capire uno le ragioni dell’altro. Cerco di rispettare tutte le regole, compreso il mio decalogo.